Agaro – I quasi adatti

Avvicinamento stradale Da Milano a Domodossola e da qui a Baceno, dove si prende per l’Alpe Devero. Poco dopo Goglio una deviazione a destra (cartelli) per Agaro porta ad Ausone, dove finisce l’asfalto. Altri 500 metri di ottimo sterrato portano all’imbocco della galleria, dove devono fermarsi i furgoni, anche i Westfalia. Le auto possono percorrere con attenzione i due chilometri in piano della stretta galleria illuminabile (pulsante) che porta sotto la diga, risparmiando circa 15′ di marcia. Se si incrocia un altro veicolo nella galleria occorre rifare tutto in retromarcia (attenzione!!).

Avvicinamento a piedi Dalla base della diga si sale in 5′ al suo culmine e poi si costeggia piacevolmente il lago fino al suo termine sul lato opposto (25′). Da qui altri 15′ alla base della parete di Agaro Granit, lasciando a destra quasi subito il sentiero per l’Alpe Pioda; lo scudo di attacco è evidente in fondo al lago lungo tutto il percorso. In tutto 40-45′ dalla base della diga

Materiale Una corda da 70 metri, 6 rinvii, una serie completa BD, doppi il rosso e il verde. Una serie completa di Tcu

Difficoltà  Prima sezione: 6a, 6b, 6b+, 4a, cengia da risalire in 5′.                    Seconda sezione: 7a e A0 (7c/c+?), 7a, 6b, 7a+, 6a

Discesa: Da qualsiasi punto della via si scende in doppia, le soste sono tutte attrezzate con due fix Kinobi + anello. Una volta percorsa la parte alta, si scende a piedi dalla base di L5 per prati ripidi ma sicuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.